Edilizia

Home 9 Impianti 9 Impianti Elettrici

Rendi unico ogni
ambiente con la
giusta illuminazione

Come funziona un impianto elettrico

L’impianto elettrico è l’insieme di conduttori, cavi e accessori che permetto l’arrivo della corrente elettrica all’interno degli ambienti. La corrente elettrica, attraverso un impianto di diffusione viene distribuita alle nostre utenze e arriva al contatore elettrico (quello che viene installato dall’Enel). Questo interruttore viene chiamato “salvavita” ed è un dispositivo magneto-termico differenziale in quanto svolge le seguenti funzioni:
MAGNETICA – protezione in caso di cortocircuito;
TERMINA – protezione in caso di sovraccarico;
DIFFERENZIALE – protezione dai contatti accidentali.
Dal Salvavita, la corrente elettrica viene distribuita agli ambienti mediante dei cavi elettrici (c.d. cordine) che passano all’interno di tubi corrugati (affogati nel sottofondo o incassati nelle pareti e nei soffitti).

SALVAVITA

Magneto Termico Differenziale

DIFFERENZIALE

Interruttore
Differenziale

Colorazioni
dei cavi elettrici

(secondo normativa)

FASE

Marrone e/o Nero

NEUTRO

Blu

TERRA

Giallo-Verde

Sezioni corrette e limiti dei cavi elettrici

0,5 mm

collegamento servizi
vietato per alimentazione 230V

0,75 mm

lampade a bassa potenza
vietato per alimentazione 230V

1,5 mm

punti luce e prese elettriche
Massimo 10 Ampère

2,5 mm

punti luce e prese elettriche
Massimo 16 Ampère

4 mm

assorbimenti complessivi fino a
Massimo 25 Ampère

6 mm

assorbimenti complessivi fino a
Massimo 32 Ampère

I cavi elettrici vengono distribuiti attraverso la rete interna che può essere di tipo Radiale, quando prevede l’alimentazione di ogni singola utenza con una linea dedicata, oppure Dorsale, caratterizzata da una sola linea sulla quale confluiscono gli utilizzatori.
Dalle cassette di derivazione i cavi elettrici raggiungono i “punti luce” i quali sono composti da:

SCATOLA – dove arrivano i cavi;

PIASTRA – dove vengono alloggiati i frutti

FRUTTI – interruttori, prese, pulsati, etc.

PLACCA – il rivestimento che ricopre i frutti

FRUTTO

Presa Bipasso 10/16A

FRUTTO

Interruttore Unipolare

SCATOLA

Incasso Portafrutti

PLACCA

3 Moduli

IMPIANTO RADIALE

Dal quadro parte una singola linea per ogni utenza

IMPIANTO DORSALE

Una singola linea sulla quale conflusicono le altre utenze

Illuminotecnica

L’illuminotecnica significa nient’altro che studio dell’illuminazione. Un concetto troppo spesso sottovalutato ma in grado di modificare profondamente l’aspetto di un ambiente quanto la luce.
Lo studio dell’illuminazione, soprattutto nelle ristrutturazioni, deve essere fatto a monte di qualsiasi lavorazione. Questo perché, oltre a pianificare gli elementi, è necessario individuare gli incavi per gli spot a soffitto, i punti di illuminazione indiretta, etc. oltre a tutti i cablaggi che li alimenteranno.

Posizionamento degli utilizzatori elettrici di un’abitazione

Impianto di messa a terra

Di fondamentale importanza e, neanche a dirlo, indispensabile per la Dichiarazione di Conformità dell’impianto elettrico è l’impianto di messa a terra. Esso permette le dispersioni causate da contatti accidentali evitando così le folgorazioni. È costituito dai dispersori (picchetti), dai conduttori di protezione (cavi giallo-verdi) e dal differenziale (salvavita). All’impianto di messa a terra devono essere connesse le armature metalliche dell’edificio, le tubazioni metalliche dell’acqua, del gas. etc.

ILLUMINOTECNICA

In caso di Ristrutturazione totale o parziale di un'abitazione offriamo sempre lo studio di illuminotecnica così da ottenere una casa ben illuminata senza sprechi di energia!

Progettazione e potenza impianto

Ricordiamo, infine, che la progettazione dell’impianto elettrico a cura di un ingegnere professionista è obbligatoria solo nel caso in cui sia presente un’abitazione superiore ai 400 mq, l’impianto sia superiore ai 6 kW, per tutti i locali commerciali (negozi, bar, ristoranti, pizzerie, etc.) con superfici superiori a 200 mq nonché per piscine, centri benessere, studi medici e dentistici, indipendentemente dalle loro dimensioni.

Per quanto concerne la potenza, invece, è possibile dimensionare un impianto a 3 kW solo fino ad una superficie massima di 75 mq. Oltre sarà necessario dimensionarlo almeno a 6 kW.

Prestazioni dell’impianto elettrico

La normativa CEI 64-08 definisce i criteri minimi obbligatori che un impianto elettrico deve avere per ottenere la Conformità. Inoltre fissa dei parametri standard che attribuiscono un livello di prestazioni all’impianto in base a determinate caratteristiche (numero di punti, presenza di videocitofono, domotica, etc.):

Livello 1 – Base

Impianto base ed essenziale ma comunque sicuro e pienamente efficiente. 

Livello 2 – Standard

Rispetto al livello 1 aumentano i punti prese, punti luce, interruttori, etc. e sono presenti maggiori componenti (dispositivi anti-intrusione, temporizzatori, etc.). 

Livello 3 – Domotico

Per rientrare in questa categoria devono essere presenti almeno 4  funzioni di tipo domotico

FUNZIONI DOMOTICHE

FUNZIONI DOMOTICHE

anti-intrusione
controllo dei carichi
gestione temperatura automatizzata
gestione delle luci
controllo remoto
sistema di diffusione sonoro
rilevazione incendio
antiallagamento e rilevazione gas

Richiedi un Preventivo, il sopralluogo è gratuito e senza impegno!

Edilia General Contractor
è al tuo servizio!

Privacy Policy